Giacinto Scelsi (1905-1989) Il suono è sferico, è rotondo. Bisogna arrivare al cuore del suono.  Il suono è dotato di misteriose profondità spaziali. Il Centro è, prima di tutto, l’origine, il punto di partenza di tutte le cose; è il punto principiale – a cura di Giorgio Linguaglossa

Giorgio Linguaglossa

 

Perché un post sulla musica di Giacinto Scelsi? Perché un musicista? È semplice, perché Scelsi ci ha mostrato che si può fare grandissima musica a partire dalla comprensione di che cos’è una nota musicale, che cos’è il centro del «suono». Analogamente, io penso che si può fare grande poesia se si comincia a comprendere che cos’è la «parola» e a porla nel contesto suo proprio, non solo nel tempo e nello spazio, come ad esempio accade  nella «metafora tridimensionale di Osip Mandel’stam o nel «correlativo oggettivo» di Eliot, ma anche e soprattutto ponendola al di fuori del tempo e dello spazio, facendo vibrare la «parola» nella sua essenza musicale semasiologica, costruendo attorno ad essa una «impalcatura» ad essa non estranea.

(Giorgio Linguaglossa)

«La musica non può esistere senza il suono. Il suono esiste di per sé senza la musica. È il suono ciò che conta», «Non opacizzarsi né lasciarsi opacizzare», scriveva Giacinto Scelsi nel 1953.

 Diceva di essere nato per la prima volta in Mesopotamia nel 2637 a. C., in realtà era nato a La Spezia nel 1905. Dopo la seconda guerra mondiale va ad abitare a Roma, davanti ai Fori imperiali, in  in via S. Teodoro, 8 (che egli amava definire “la porta tra Oriente e Occidente”). Scrive Renzo Cresti: «Non esiste una fotografia di Scelsi, non voleva dare importanza al suo aspetto né alla sua vita materiale, si considerava un tramite, un modesto anello di congiunzione fra la musica del cielo e quella della terra, “un postino” diceva, fra la musica del cosmo e quella degli uomini. Firmava la sua musica col simbolo grafico fatto da una linea e da un cerchio: come un sole nascente».

 

 

Scelsi si racconta in questo modo:

«la mia musica non è né questa né quella, non è dodecafonica, non è puntillista, non è minimalista. Cos’è allora? Non si sa, le note non sono altro che dei rivestimenti, degli abiti. Il suono è sferico, è rotondo. Invece lo si ascolta sempre come durata e altezza /…/ dopo essere stato a Vienna a studiare la dodecafonica con Walter Klein, un allievo di Schoenberg, mi sono ovviamente ammalato. Era normale: chi, pervaso da una forza fuori dal comune, passa ore al pianoforte, senza avere coscienza di ciò che produce, dovendo pensare a un contrappunto o alla risoluzione di una settima si blocca inevitabilmente /…/ c’è la musica cristiana, quella indù, quella cinese, sono tutte vie che portano alla trascendenza. Anche la gnosi e lo zen sono vie di conoscenza, anche l’arte /…/ io sono solamente un intermediario fra la musica del cosmo e la terra /…/ non avete idea di cosa sia un suono! Vi sono dei contrappunti, vi sono sfasamenti dei timbri diversi, armonici che producono effetti del tutto differenti fra loro /…/ fissando a lungo un oggetto esso si ingrandisce /…/ ribattendo a lungo una nota essa diventa grande, così grande che si sente sempre più armonia ed essa vi si ingrandisce all’interno, il suono vi avvolge /…/ e quando si entra in un suono si diventa parte di esso, poco a poco si è inghiottiti.»

 

Giorgio Linguaglossa Giorgio Linguaglossa

 

L’uscita di questo volume (Renzo Cresti su Giacinto Scelsi – Viaggio al centro del suono), documentato e appassionato, rappresenta la seconda edizione del libro pubblicato nel 1993, e già nel titolo, Viaggio al centro del suono, vuole scavare nelle ragioni profonde che hanno spinto Scelsi all’azione musicale.

 

L’analisi del singolo suono si dimostrerà la via intrapresa da Scelsi che, come nell’arcaica tradizione cinese, lega il suono a elementi naturali e cosmogonici. Nutrito di cultura orientale e mistica, Scelsi si ritirò in un isolamento meditativo che gli nuocerà in Italia, dove verrà tacciato di dilettante, ma non in Europa, soprattutto in Francia, dove verrà apprezzato fin dagli anni Settanta, quando il Gruppo dell’Itineraire lo indicherà come punto di riferimento della «tendenza spettrale».

 «Il Centro è, prima di tutto, l’origine, il punto di partenza di tutte le cose; è il punto principiale, senza forma e senza dimensioni, dunque invisibile, e, di conseguenza, la sola immagine che si possa dare dell’Unità primordiale. Da esso sono prodotte, per irradiazione, tutte le cose»7

 

«Il suono è sferico, è rotondo. Invece lo si ascolta sempre come durata e altezza. […] Bisogna arrivare al cuore del suono: solo allora si è musicisti, altrimenti si è solo artigiani. Un artigiano della musica è degno di rispetto, ma non è né un vero musicista, né un vero artista»

 

«Si arriva ovunque con la negazione, è tutta una tecnica: non sei questo, non sei neppure questo. Sei il tuo corpo? No, non sono il mio corpo. Sei i tuoi affetti, i tuoi sentimenti? No, essi sono completamente cambiati da molto tempo. Sei il tuo intelletto? No, pensavo una volta, ma ora penso in modo completamente diverso. Allora cosa sei? Ebbene, ciò che resta...»[1].

 

Giorgio Linguaglossa

 

Scrive Barbara Gigliotti: «Enzo Porta vede concretizzarsi quello che il compositore chiamava suono sferico”, che considerava equivalente alla prospettiva per l’arte pittorica: un suono dotato di misteriose profondità spazialiMassimo Coen tramite Scelsi scoprì un affascinante aspetto che il violino può assumere: quello della violenza timbrica. L’aspetto tecnico-pianistico a cui Scelsi teneva di più sembra essere quello del controllo del suono. Richiamava il concetto di “coscienza”, basandosi su un momento “meditativo” in cui si lascia scorrere la forza vitale della musica. Una filosofia entro la musica che si può sintetizzare con la frase di Scelsi: “Lascia pensare chi ha bisogno di pensare”.

 

Le opere di Giacinto Scelsi, come ha notato Gaetano Mercadante, sono eventi liberatori del suono singolo inteso, secondo Henz Klaus Metzer, “come un mondo strutturato verso l’interno e contemplato nella sua statica permanenza”. Scelsi si interessava al jazz, all’Africa nera, all’India e all’Islam, non come fonti di esotismo, ma per individuare un ordine, una “teoria del tutto”, la sistematizzazione di tutte le musiche. Concetto racchiuso splendidamente in una sua frase: “vivo a Roma in una casa situata di fronte al Palatino e che poggia esattamente su una linea ideale di demarcazione fra Oriente e Occidente – e per chi intende – spiega la mia vita e la mia musica”».2

 

 

2http://www.gothicnetwork.org/articoli/suono-nel-suono-di-giacinto-scelsi-profondita-spaziali-del-mondo-musicale

 

 «Ecco come si deve ascoltare un suono. Ho fatto questa esperienza da solo, senza conoscere la storia, quando ero in clinica, malato. Nelle cliniche ci sono sempre dei piccoli pianoforti nascosti, che quasi nessuno suona. Un giorno mi misi a suonare: do, do, re, re, re… Mentre suonavo qualcuno disse: ‘Quello è più pazzo di noi!’. Ribattendo a lungo una nota essa diventa grande, così grande che si sente sempre più armonia ed essa vi si ingrandisce all’interno, il suono vi avvolge. Vi assicuro che è tutta un’altra cosa: il suono contiene un intero universo, con armonici che non si sentono mai. Il suono riempie il luogo in cui vi trovate, vi accerchia, potete nuotarci dentro. Ma il suono è creatore tanto quanto distruttore; è terapeutico: può guarire come distruggere. La cultura tibetana ci insegna che con un solo grido si può uccidere un uccello e non so se il suono lo possa far rivivere. Nell’epoca dell’elettronica e dei laser, i Tibetani possono essere il semplice grido che uccide.

 

Per finire, quando si entra in un suono ne si è avvolti, si diventa parte del suono, poco a poco si è inghiottiti da esso e non si ha bisogno di un altro suono. Oggi la musica è diventata un piacere intellettuale – combinare un suono con un altro ecc. – inutile. Tutto è là dentro, l’intero universo riempie lo spazio, tutti i suoni possibili sono contenuti in esso. La concezione odierna della musica è futile – rapporti fra i suoni, lavoro contrappuntistico: così la musica diventa un gioco.

 

[…] Mi sento più vicino ai filosofi orientali, che sono contro la violenza, contro le manifestazioni pratiche della vita terrestre; preferisco vivere su altri piani, altrimenti rischio di distruggere il mio sistema nervoso. È un rischio che bisogna correre» (3)

 

«… Sono buddhista. Se nessuno vuol suonare la mia musica nessuno la suoni, continui a non suonarla – mi è indifferente. Qui in Italia la Rai non fa niente, non ha mai registrato nulla di mio. Sono andato in Francia. Gli italiani hanno uno spirito del tutto diverso dal mio: sono in generale materialisti, la trascendenza non gli interessa – mentre io non vivo che per quella. Non sono un compositore, perché essere compositore vuol dire unire una cosa ad un’altra: io non faccio questo. Si arriva ovunque con la negazione, è tutta una tecnica: non sei questo, non sei neppure questo. Sei il tuo corpo? No, non sono il mio corpo. Sei i tuoi affetti, i tuoi sentimenti? No, essi sono completamente cambiati da molto tempo. Sei il tuo intelletto? No, pensavo una volta, ma ora penso in modo completamente diverso. Allora cosa sei? Ebbene, ciò che resta…» (4)

 2 René Guenon, Simboli della Scienza sacra, Adelphi, 1990

 

3 Franck Mallet, ‘Il suono lontano Conversazione con Gacinto Scelsi’, in: Giacinto Scelsi Viaggio al centro del suono, a cura di Pierre Albert Castanete e Nicola Cisternino, La Spezia, Luna Ed., 2001.

 

4 Franck Mallet, ibidem.

 

Giorgio Linguaglossa

 

Cito dalla Fondazione Isabella Scelsi:

«Riservato ed eccentrico al tempo stesso, aristocratico dalle sconfinate curiosità intellettuali, amico di John Cage, Jean Cocteau, Severino Gazzelloni, Walter Klein, Nikita Magalov, Pierre Monteux e Virginia Woolf, autore di poesie scritte e pubblicate in francese e di una sorprendente autobiografia dal titolo Il sogno 101Giacinto Scelsi (Pitelli, La Spezia, 8 gennaio 1905 – Roma, 9 agosto 1988) fu una figura isolata nel panorama del Novecento Italiano, compositore singolare e anticipatore di correnti musicali che si sarebbero manifestate solo alla fine del secolo.

 

Filosofie orientali, dottrine Zen, Yoga e problematica dell’Inconscio si riflettono nella sua sperimentazione in campo musicale e nel suo singolare metodo compositivo: Giacinto Scelsi registrava su nastro magnetico le proprie improvvisazioni, affidando poi la trascrizione a collaboratori che operavano sotto la sua guida.

 

Con il rifiuto della tecnica compositiva, Scelsi trascende tutto ciò che è connesso alla carriera di compositore quali i rapporti con i mass media, l’artista che si pone in primo piano, la musica come artigianato. Più eseguito all’estero che in Italia, più amato dai parigini che dai milanesi, è giunto il momento di rendergli omaggio, lasciandoci alle spalle le polemiche sorte dopo la sua morte.

 

Giacinto Scelsi inizia a frequentare il mondo artistico, musicale e letterario negli anni Venti – durante i suoi frequenti viaggi all’estero – stabilendo amicizie che lo introducono ai movimenti culturali internazionali dell’epoca. agli anni trenta risalgono i suoi interessi per linguaggi e tecniche compositive quali la dodecafonia, le teorie di Skrjabin e di Steiner. Nel 1930 porta a compimento la composizione per orchestra Rotativa (Parigi, Salle Pleyel 1931 con la direzione di Pierre Monteux), opera che lo rivela al mondo musicale internazionale. trascorre il secondo conflitto mondiale in Svizzera, dove vengono eseguiti il Trio per archi(1942) e varie altre opere per pianoforte; sono anni molto travagliati, in cui prevale l’interesse per la poesia, le arti visive, il misticismo orientale e l’esoterismo. È di questo periodo l’accettazione attiva delle filosofie orientali, delle dottrine Zen, dello Yoga e della problematica dell’Inconscio, che si riflette anche nella sperimentazione in campo musicale. Si stabilisce poi a Roma (dove rimarrà fino alla morte, avvenuta il 9 agosto 1988), ultimando alcune opere già iniziate: il Quartetto per archi e La Nascita del Verbo (eseguiti entrambi a Parigi nel 1949).

 

La strumentazione di figure determinate dal caso, l’improvvisazione su strumenti tradizionali usati in modo nuovo, l’uso dell’ondiola, (primo strumento elettronico capace di riprodurre i quarti e gli ottavi di tono) ma soprattutto la maniera di improvvisare in uno stato privo di condizionamenti molto vicino al vuoto Zen, improntano le sue opere più significative. Il metodo di composizione di Scelsi era alquanto originale: registrava infatti su nastro magnetico le proprie improvvisazioni, affidando poi la trascrizione a collaboratori che operavano sotto la sua guida. Il lavoro si arricchiva successivamente con dettagliate indicazioni per l’esecuzione e con accorgimenti per la realizzazione di quel particolare suono minuziosamente ricercato da Scelsi (sordine appositamente costruite per gli archi, strumenti a corde trattati come percussioni, filtri sonori per deformare il suono dei fiati, basi di registrazione preesistenti quale traccia all’esecuzione). originalissimo anche il metodo di orchestrazione, che consisteva nell’accoppiare strumenti simili sfasati di un quarto di tono, con imprevedibili effetti di battimento. La rivelazione di questa nuova, importante fase ha inizio con l’esecuzione della composizione per orchestra Quattro pezzi (ciascuno su una nota sola, 1959); a questo periodo risale anche la pubblicazione della sua opera teorica e letteraria. Negli anni ottanta ha inizio la pubblicazione della sua imponente produzione musicale presso le editions Salabert di Parigi.»

 

[1] Citato in A.A.V.V., Giacinto Scelsi, Viaggio al centro del suono, a cura di P.A. Castanet e N. Cisternino, LunaEditore.

 

 

 

Timber by EMSIEN-3 LTD