MARIA ROSARIA MADONNA(1942-2002): DUE POESIE METAFISICHE E ONTOLOGICHE - da Antologia di poesia italiana contemporanea Come è finita la guerra di Troia non ricordo (Progetto Cultura, 2016) Commento analitico delle immagini poetiche di Giorgio Linguaglossa 

 

Giorgio Linguaglossa

 

A fine 1991 Maria Rosaria Madonna (Palermo, 1942- Parigi, 2002) mi spedì il dattiloscritto contenente le poesie che sarebbero apparse l’anno seguente, il 1992, con il titolo Stige con la sigla editoriale Scettro del Re. Con Madonna intrattenni dei rapporti epistolari per via della sua collaborazione, se pur saltuaria, al quadrimestrale di letteratura Poiesis che avevo nel frattempo messo in piedi. Fu così che presentai Stige ad Amelia Rosselli che ne firmò la prefazione. Era una donna di straordinaria cultura, sapeva di teologia e di marxismo. Solitaria, non mi accennò mai nulla della sua vita privata, non aveva figli e non era mai stata sposata. Sempre scontenta delle proprie poesie, Madonna sottoporrà quelle a suo avviso non riuscite ad una meticolosa riscrittura e cancellazione in vista di una pubblicazione che comprendesse anche la non vasta sezione degli inediti. La prematura scomparsa della poetessa nel 2002 determinò un rinvio della pubblicazione in attesa di una idonea collocazione editoriale. È quindi con dodici anni di ritardo rispetto ai tempi preventivati che trovano adesso la luce alcune poesie di uno dei poeti di maggior talento del tardo Novecento. Alcune sue poesie inedite sono apparse nella Antologia  di poesia a cura di Giorgio Linguaglossa Come è finita la guerra di Troia non ricordo (Progetto Cultura, Roma, 2016)

 

(Nota di Giorgio Linguaglossa)

 

Giorgio Linguaglossa

 

 

Maria Rosaria Madonna

 

Due poesie tratte da Come è finita la guerra di Troia non ricordo (Progetto Cultura, Roma, 2016)

 

È un nuovo inizio. Freddo feldspato di silenzio.

Il silenzio nuota come una stella

e il mare è un aquilone che un bambino

tiene per una cordicella.

Un antico vento solfeggia per il bosco

e lo puoi afferrare, se vuoi, come una palla di gomma

che rimbalza contro il muro

e torna indietro.

 

Giorgio Linguaglossa Giorgio Linguaglossa

 

Commento di Giorgio Linguaglossa

 

«È un nuovo inizio». Così inizia la poesia. Ma che significa? Inizio di che cosa? Di che cosa si parla? - Il secondo emistichio complica la questione perché non risponde al primo emistichio ma si limita a prolungarne l'eco di dubbio travestito in una forma assertiva: «Freddo feldspato di silenzio». Il tono assertivo contrasta singolarmente con il dubbio e l'ambiguità che promana da quelle due prime proposizioni assertorie.

 

Il secondo verso aggiunge ambiguità e dubbio. Il terzo e il quarto verso sciolgono ogni dubbio, qui siamo nel mondo onirico-surreale, illogico e irrazionale perché si dice che il «mare è un aquilone che un bambino tiene per una cordicella». Un non-sense.

 

Il quinto verso cambia spartito, c'è un «vento» (che è detto «antico») che «solfeggia» «per il bosco». Stiamo attenti alla dizione «solfeggia», una scelta verbale che serve ad introdurre un mondo di suoni determinato dal vento che attraversa il «bosco». Si parla forse qui del bosco inteso come mero paesaggio? O si tratta di un «altro» bosco? Io ritengo che qui si tratti di un «altro» bosco, e precisamente il «bosco» quale metafora e simbolo dell'Essere. È dell'Essere che qui si parla, non certo del bosco come paesaggio.

 

Il sesto verso. Qui il poeta si rivolge direttamente al lettore e gli dice: «lo puoi afferrare, se vuoi, come una palla di gomma». Anche qui la scelta della immagine corriva induce il lettore in imbarazzo. dice il poeta: «lo puoi afferrare». Che cosa il lettore può «afferrare»? Il bosco del paesaggio? No di certo, qui ad essere in questione è l'Essere.  Allora, l'Essere è come una «palla di gomma che rimbalza contro il muro»? «e torna indietro»?

 

Che cos'è che «torna indietro»? - Ma è chiaro: è l'Essere che qui «torna indietro», scrive con un raffinatissimo tocco meta ironico il poeta. È l'essere che «torna indietro». Enunciato ambiguo e sibillino, travestito sub specie di frasario assertorio.

 

Giorgio Linguaglossa

 

Alle 18 in punto il tram sferraglia

 

Alle 18 in punto il tram sferraglia

al centro della Marketplatz in mezzo alle aiuole;

barbagli di scintille scendono a paracadute

dal trolley sopra la ghiaia del prato.

Il buio chiede udienza alla notte daltonica.

 

In primo piano, una bambina corre dietro la sua ombra 

col lula hoop, attraversa la strada deserta

che termina in un mare oleoso.

 

Il colonnato del peristilio assorbe l’ombra delle statue

e la restituisce al tramonto.

Nel fondo, puoi scorgere un folle in marcia al passo dell’oca.

È già sera, si accendono i globi dei lampioni,

la luce si scioglie come pastiglie azzurrine

nel bicchiere vuoto. Ore 18. 

Il tram fa ingresso al centro della Marketplatz.

Oscurità.

 

Commento di Giorgio Linguaglossa

Che cosa significa scrivere che 

Alle 18 in punto il tram sferraglia

al centro della Marketplatz in mezzo alle aiuole (?)

 

È forse una poesia di paesaggio urbano? È una descrizione di un tram che «sferraglia» «in mezzo alle aiuole»? Come in una poesia di stampo realistico-mimetico?

Il terzo e quarto verso introducono una pausa descrittoria. Illustrano con scrittura assertoria l'atmosfera quasi natalizia di un tram in mezzo ai «barbagli» delle sue scintille. Ma non è vero, si tratta di una falsa pista ermeneutica. Infatti, il quinto verso ci introduce da subito nella vera questione della poesia: il «buio» dell'Essere immerso in una «notte daltonica»:

 

Il buio chiede udienza alla notte daltonica.

 

Il sesto verso introduce una variante dechirichiana. Una bambina che corre col suo «lula hoop» in mezzo al «colonnato» di un «peristilio». Davvero, una immagine che non ci saremmo aspettati, che irrompe, priva di senso logico-causale, nel quadretto assertorio-idillico del tram in mezzo alle aiuole.

In primo piano, una bambina corre dietro la sua ombra 

col lula hoop

Viene detto che una bambina «corre dietro la sua ombra», « attraversa la strada deserta»

«che termina in un mare oleoso». Che significa tutto ciò? E perché quell'aggettivo «oleoso»? Può il mare essere «oleoso»? Qui, con quell'aggettivo, cambia la cubatura spazio-temporale della poesia che viene scaraventata in una lontananza, in un tempo mitico-edipico, nel tempo omerico di Odisseo che solca con la sua nave il mare «oleoso». Viene introdotta un'altra temporalità mediante l'inserzione di un semplice aggettivo. Davvero geniale.

 

I primi due versi della seconda strofa si riallacciano alla poesia precedente e, in un certo senso, la proseguono e la completano. I due versi hanno un andamento a solenoide tipicamente transtromeriano con l'ombra che «assorbe» «l'ombra delle statue e la restituisce al tramonto». Dunque, è il «tramonto» il tema centrale di questa seconda poesia, quel momento dello spirito che precede appena di un attimo la «notte daltonica» della precedente poesia.

Il colonnato del peristilio assorbe l’ombra delle statue

e la restituisce al tramonto.

Il terzo verso della seconda strofa: «Nel fondo, puoi scorgere un folle in marcia al passo dell’oca», introduce all'improvviso uno stacco temporale: siamo nel mezzo della Germania nazista. È un fotogramma, una immagine, nient'altro che una immagine. 

Il quarto verso inizia con un «È già sera...». Il «tramonto» è stato superato. Il mondo va verso il suo compimento. Il «tram» fa di nuovo ingresso «al centro della Marketplatz». E qui si chiude la vicenda dell'Essere.

 

 

Timber by EMSIEN-3 LTD