Donatella Costantina Giancaspero QUATTRO POESIE da Ma da un presagio d'ali (2015) con una Ermeneutica di Giorgio Linguaglossa

Giorgio Linguaglossa

 

Costantina Donatella Giancaspero vive a Roma, sua città natale. Ha compiuto studi classici e musicali, conseguendo il Diploma di Pianoforte e il Compimento Inferiore di Composizione. Collaboratrice editoriale, organizza e partecipa a eventi poetico-musicali. Suoi testi sono presenti in varie antologie. Nel 1998, esce la sua prima raccolta, Ritagli di carta e cielo, Edizioni d’arte Il Bulino (Roma), a cui seguiranno altre pubblicazioni con grafiche d’autore, anche per la Collana Cinquantunosettanta di Enrico Pulsoni, per le Edizioni Pulcinoelefante e le Copertine di M.me Webb. Nel 2013, terza classificata al Premio Astrolabio (Pisa). Di recente pubblicazione è la silloge Ma da un presagio d’ali (La Vita Felice, 2015).

 

da Ma da un presagio d'ali (2015)

 

È domani

Eppure è già domani

a quest'ora fonda 

della notte,

quando nei condomini

i muri, che separano vita

da vita, hanno spessori

di silenzio

e dalle strade il buio

rimanda rare sirene,

eco sorda di macchine.

S'impiombano attoniti,

nel vuoto, i binari

della metro di superficie.

 

È domani,

e non vale la veglia

ostinata, non servono

i rituali del fare

a prolungare l'oggi.

Questo domani,

questo tempo muto, scattato

da una combinazione di lancette,

cielo acerbo, sospeso

sulla zona franca

del sonno, dove, ignoti,

già tanti destini si compiono,

questo è l'oggi.

 

Tra poco la notte sbiadirà

in un brusio di appannati risvegli

e frulli, alle finestre, cinguettii,

di luce in luce più canori,

fino al sole pieno,

puntato sulla città.

E sarà azzurro, azzurro estremo,

impietoso, nel suo occhio

fermo, astratto dagli occhi,

dissuasi, volti altrove;

 

perché altrove li volge

questo Tempo acuminato:

dov'è vita ferita che dispera

la vita, nei quotidiani martiri,

nelle morti suicide per dignità

negata, nelle stragi,

ai tribolati confini,

dove affonda il cuore

 

e la notte

di un altro domani.

 

***

 

Ma non vorresti

restare ancora

a questo limite del tempo,

dove i giorni s'aggrumano

in violente stagioni

e si disfano

resi a se stessi,

riassorbiti

nella propria dolorosa

sostanza

 

Sorge

al tuo sguardo,

con rassegnato nitore,

il punto inerte

della vita.

S'innalza

il muro cavo

dove ristagna

l'animo.

È un sentimento grave,

di stasi,

pesa intorno

- appena lo contrasta

quel turbinio

estenuante,

quel viavai senza scampo

che vedi

di volti in fuga -

 

***

 

Abbiamo voluto

dal principio

un arredo minimo,

appena sufficiente

per abitare, e le pareti

vuote - nulla

a violarne

con altra identità

il solitario rigore -

 

Scabra nudità

esposta

alla luce sontuosa

del mattino,

spalancata

all'occhio,

che la ripensa

materia purificata,

ne scava

ardui contenuti

 

un senso duro della vita.

 

***

 

Come per un ripensamento

come se

- a metà strada,

a una svolta,

a un tratto -

ti fermasse un ricordo,

ti volti,

riprendi i tuoi passi

dal viale al portone...

 

e ti solleva

un vortice di scale

fin su,

fino a me, alla gioia

di avermi

- varcata la soglia -

negli occhi,

in fondo al respiro...

 

L'amore

ci vuole uniti,

sempre:

al più breve

distacco, trasale,

s'infuria,

ordisce tranelli.

E siamo colti

alla sprovvista,

presi alle spalle,

di petto, 

gettati

 

viso nel viso.

 

 Giorgio Linguaglossa

 

Ermeneutica di Giorgio Linguaglossa

Un libro di esordio che ci rivela una poesia del fare «vuoto». Una poesia esistenziale che si nutre dei fantasmi della nostra inautenticità come una piovra della propria vittima, fatta di «vita ferita», «appuntamentiۛ», «arredo minimo», di «ripensamenti»,  di trasalimenti, di dichiarazioni di afasia, di smemoratezze, dove gli umani sono «colti alla sprovvista», «presi alle spalle» e «gettati / viso nel viso», l'uno dirimpetto all'altro, senza destino, senza destinazione, senza telos,  rigidi, immobilizzati nella propria tellurica cella dell'io; instabili, inquieti, prigionieri della incomunicabilità, dissociati, alienati, estraniati. In questo quadro di esitazione esistenziale ed esperienziale, sovente irrompe la positività della «luce sontuosa del mattino» con il suo rigoglio ad infrangere il «rigore» degli umani impossibilitati a vivere esperienze autentiche, vitali, significative. Poesia senza infingimenti o dorature liriche, fitta di effrazioni della memoria e di lapsus dell'oblio, due poli indisgiungibili e inesplicabili che designano i limiti della nostra condizione esistenziale ed esperienziale, che oscilla tra «presagio» e oblio, incertezza e memoria, tra intermittenze del cuore e discontinuità delle emozioni. Una poesia frastagliata, rastremata, complessa, che utilizza il metro breve e brevissimo alla maniera di Bonnefoy, scandita dai cinetismi interni di una metrica sincopata e della conseguente rapidità di lettura. In un certo senso, libro sintomatico del nostro tempo, libro esistenzialistico e dell'oblio della memoria che si converte in temporalità estraniata, intertemporalità, non-luogo della memoria. Non è Aristotele che nel De memoria sostiene che gli umani sono: «coloro che percepiscono il tempo, gli unici, fra gli animali, a ricordare, e ciò per mezzo di cui ricordando è ciò per mezzo di cui essi percepiscono [il tempo]»?

Dunque, possiamo dire che la Memoria sarebbe una funzione della coscienza del tempo. Anzi, dopo Heidegger si dovrebbe parlare di una funzione della temporalità nel suo rapporto con l'esserci, la nostra esistenza si situerebbe negli interstizi tra le temporalità dell'esserci. La temporalità immaginaria e quella empirica.

Meister Eckhart ci ha parlato del «vuoto» quale esperienza interiore essenziale per accedere alla dimensione spirituale, ovvero, fare «vuoto» come distacco dai propri contenuti personali per poter accedere ad una dimensione più vera e profonda. È da qui che ha inizio la riflessione poetica di Costantina Giancaspero, dal punto di congiunzione tra temporalità e memoria. Quel punto opaco, insondabile dove hanno avuto luogo gli eventi significativi, paradossalmente opachi, quei momenti di lacerazione dell'esistenza che noi percepiamo distintamente attraverso la lente della memoria. Ma che cosa sia quella lacerazione e che rapporti abbia con la memoria, è davvero un mistero.

 

«Come per un ripensamento / come se / - a metà strada, / a una svolta, / a un tratto - / ti fermasse un ricordo, / ti volti, / riprendi i tuoi passi / dal viale al portone... // e ti solleva / un vortice di scale / fin su, / fino a me, alla gioia / di avermi / - varcata la soglia - / negli occhi, in fondo al respiro... // L'amore / ci vuole uniti, / sempre: / al più breve / distacco, trasale, / s'infuria, / ordisce tranelli. / E siamo colti / alla sprovvista, / presi alle spalle, / di petto, gettati // viso nel viso.»

 

Paul Valéry ha scritto:

 

«L’Arte ha la sua stampa, la sua politica interna ed estera, le sue scuole, i suoi mercati e le sue borse-valori; ha persino le sue grandi banche, dove vengono progressivamente ad accumularsi gli enormi capitali che hanno prodotto, di secolo in secolo, gli sforzi della «sensibilità creatrice»: musei, biblioteche, eccetera… L’Arte si pone così a lato dell’Industria… ».

 

Non c’è dubbio che oggi chi voglia fare della “poesia” debba essere anche un abilissimo imprenditore di se stesso, perché la poesia è diventata come ogni altra “Arte” un fenomeno analogo a quello dell’«industria», un fenomeno da baraccone dove ciò che conta è urlare e il saper acclamare ai venti la propria ingombrante presenza.

 

La poesia di Donatella Costantina Giancaspero sceglie il fondale del teatro, la sua Musa ama l’inappariscenza, la riservatezza e il silenzio, non quello reclamato a gran voce dai pubblicitari della poesia ma quello vero, che sta dentro le cose, che abita Mnemosyne. La sua poesia è affine al metodo della pittura Zen, inizia da un punto e, come per caso o disattenzione, prosegue all’improvviso con una linea continua mediante pochi tratti che delineano un teatro, un retro scena, ciò che si nasconde e sta dietro gli eventi,  l'inappariscente. Ecco perché la sua poesia è così ricca di eventi inappariscenti, di  «ripensamenti» e di retro azioni, di movimenti inconsulti come il «voltarsi indietro», di sussulti, di andirivieni etc., così fragile e indifesa questa poesia può crollare, come un castello di carte, ad ogni alto di vento.

 

Come la nozione freudiana di inconscio, il concetto di «traccia» assume in Donatella Costantina Giancaspero una funzione antisimbolistica, nel senso che sostituisce un ordine simbolico con un altro ordine per definizione irrappresentabile, o rappresentabile soltanto attraverso una catena di sostituzioni. Scrive Derrida: «e per descriverle, per leggere le tracce delle tracce “inconsce” (non c’è traccia “cosciente”), il linguaggio della presenza o dell’assenza, il discorso metafisico della fenomenologia è inadeguato». La poesia della Giancaspero è una vera e propria indagine attorno al corpo del reato: la «traccia», all’interno dello «spazio vuoto»:

 

Può darsi
che il vero sia
nello spazio vuoto
tra segno e segno,
nel tempo muto
che attrae
e smorza in sé
tutte le vibrazioni
tra suono e suono

 

 

Ed è infatti proprio questo l’esito principale consentito dalla nozione di «traccia»: quello di far intendere l’ordine del senso (della coscienza, della presenza, e di tutto il sistema concettuale da esse regolato, cioè l’insieme stesso della metafisica) come un ordine «supplementare», radicalizzando con ciò quella che, secondo una tale metafisica, era una condizione limitata alla semplice scrittura. 

La Giancaspero mette a fuoco l'inappariscente, l’irrappresentabile, la «traccia» nascosta, ciò che sta al posto della traccia «originaria», che la sostituisce con un altro ordine simbolico che è la traccia «visibile» dell’inconscio. 

 

È una poesia in sotto tono, che elegge la «durata» di una parola, il tono simbolismo significante di una parola come sospesa sull'abisso del «vuoto»: la fine del verso sta qui a indicare il «vuoto» all'esterno della composizione, mentre il «vuoto» all'interno della parola viene mostrato come «durata» del suono. Un po' come avviene nella musica di Giacinto Scelsi (del quale ricordiamo l'impareggiabile «Quattro pezzi su una nota sola - 1959»). L'allungamento stereometrico della durata di una parola fa sì che il significante si assottigli e si allunghi nel tempo proprio come un elastico sottoposto a una forza divergente. Inoltre, è una poesia «in diminuendo»; alla stregua della musica contemporanea, di cui la poetessa romana è una profonda conoscitrice, la sua poesia inizia da un «piano», per poi planare, in diminuendo, verso una zona d'ombra, per poi, subito dopo, risollevarsi su un altro piano parallelo e/o traslocato in un altro «luogo». Così, la composizione tipo della Giancaspero vive di questi spostamenti modulati , interni, verticali e laterali, veri e propri traslochi della modulazione. Tipica procedura della più aggiornata poesia europea femminile (Ekaterina Josifova, Katarina Frostenson, Daniela Crasnaru).

 

In questo tipo di poesia è decisivo il concetto di «luogo», preferibilmente si tratta di «interni», ma con aperture improvvise su degli «esterni», v'è però da dire che esso «luogo» non viene mai nominato in modo diretto ma soltanto «direzionato», alluso dalle parole che si frastagliano in timbri e durate... Le parole che si susseguono cambiano di continuo il senso delle proposizioni, direzionandolo, però, sempre all'interno delle singole brevi o brevissime proposizioni, utilizzando di preferenza il moto verticale.

 

Come per un ripensamento,
come se
– a metà strada,
a una svolta,
a un tratto -,
ti fermasse un ricordo,
ti volti,
riprendi i tuoi passi
dal viale al portone…

E ti solleva
un vortice di scale
fin su,
fino a me, alla gioia
di avermi
– varcata la soglia –
negli occhi,
in fondo al respiro…

 

Questa «logica del supplemento» («tra segno e segno» e «tra suono e suono»), è una indagine, diciamo così, supplementare che la poesia istituisce attorno al «supplemento», il sostituto del nulla, del vuoto. Ciò è ovviamente impensabile all’interno della logica, scriverà Derrida in Della grammatologia: il «supplemento» supplisce una mancanza, una non-presenza, nel senso che rappresenta il momento di una strutturazione non preceduta da nulla, ma a partire dalla quale qualcosa “appare”». «Il supplemento viene al posto di un cedimento, di un non-significato o di un non-rappresentato, di una non-presenza. Non c’è nessun presente prima di esso, è quindi preceduto solo da se stesso, cioè da un altro supplemento. Il supplemento è sempre il supplemento di un supplemento».

 

 

Timber by EMSIEN-3 LTD